Vai al contenuto

Carrello

Il tuo carrello è vuoto

Articolo: Come fare un buon caffè: consigli e segreti

I benefici del caffè_Caffè Corsini

Come fare un buon caffè: consigli e segreti

Perché l’Italia è famosa per il caffè?
Quando le persone si chiedono come fare un buon caffè, nella maggior parte dei casi hanno in mente, come risultato finale, il caffè italiano. Vera e propria eccellenza per il nostro Paese nel mondo, il caffè, la bevanda più apprezzata a livello globale, richiede attenzione ad alcuni dettagli specifici per essere preparato al meglio (di questo argomento parleremo più avanti).

Ora iniziamo a capire come mai il caffè italiano è considerato una chicca unica al mondo. Il principale motivo è legato alla tostatura. Quando si chiama in causa questa procedura, è necessario ricordare che viene gestita dalle torrefazioni del Bel Paese mirando innanzitutto ad avere un prodotto con un aroma intenso, con gusto pieno.

A contribuire a tutto questo ci pensa il livello di tostatura, che deve raggiungere un equilibrio perfetto. Solo così, infatti, si ha la certezza di proporre un caffè con un ottimo retrogusto.

Come fare un buon caffè
Iniziamo ora a vedere in consigli pratici per chi, come te, vuole capire come fare un buon caffè. Cercheremo, nelle prossime righe, di passare in rassegna il maggior numero di casistiche possibile, con dritte per il caffè espresso, ma anche per quello preparato in casa e per quello con le cialde.

Facciamo innanzitutto presente l’importanza della materia prima di partenza. L’optimum prevede il fatto di optare, se possibile, verso il caffè in grani. In questo modo è possibile conservare le proprietà organolettiche al meglio. Inoltre, è opportuno macinare il caffè al momento, mettendo poi il risultato del processo di macinatura all’interno del filtro.

Quando ci si chiede come fare un buon caffè, è cruciale considerare anche l’acqua da mettere nella macchinetta. La soluzione migliore è l’acqua minerale - che ha un basso livello di durezza - possibilmente a temperatura ambiente. Un aspetto basilare riguarda il fatto di non esagerare; essenziale è porre attenzione a non andare oltre alla valvola che si trova nella parte superiore della caldaia della moka.

Come distinguere un buon caffè
Fondamentale per capire se ci si è mossi nella maniera giusta è avere le idee chiare su come distinguere un buon caffè. I criteri da considerare sono molto chiari. Innanzitutto, è necessario che l’aroma sia intenso. Non importa che richiami a sentori floreali piuttosto che fruttati: quello che conta è che, nel momento in cui si porta la tazzina al naso, non arrivi odore di bruciato, o in generale odori sgradevoli dovuti alla non pulizia della macchinetta.

Un altro aspetto da prendere in considerazione quando ci si chiede come deve essere un buon caffè riguarda il gusto. Essenziale è che sia sufficientemente persistente. Attenzione, però: non deve essere aggressivo.

Un doveroso cenno va dedicato alla crema in superficie. Avente un ruolo di grande rilevanza - serve a trattenere le particelle che contribuiscono all’aroma e al sapore - non deve essere assolutamente né troppo chiara, né troppo scura.

Tra le altre caratteristiche da considerare in merito a quest’ultimo punto, facciamo presente l’importanza dell’assenza di bolle. Per quanto riguarda il colore, l’optimum prevede il fatto che si orienti tra un color nocciola e una cromia più intensa, orientata al bruno.

Come fare un buon caffè in casa
Anche se il rito del caffè al bar rimane un momento meraviglioso e molto apprezzato dagli italiani (e non solo), sono tantissime le persone che decidono di preparare il caffè a casa. Vediamo, nelle prossime righe, come farlo con la moka.

Come fare un buon caffè con moka
Immancabile nelle case degli italiani, la moka è alleata preziosa di chi ama il caffè. Per gustarlo in tutta la sua magia è necessario occuparsi nel modo giusto della macchinetta. Ciò significa, in concreto, lavarla e asciugarla dopo ogni uso, evitando l’uso del sapone, senza lasciare residui di caffè, che potrebbero ammuffire, condizionando il sapore del caffè successivo.

Proseguendo con i consigli per chi si chiede come fare un buon caffè alla moka, è essenziale sottolineare il fatto che la miscela non andrebbe mai pressata. Come mai? Il motivo è legato al fatto che, così facendo, si impedisce all’acqua di estrarre le componenti che regalano alla bevanda il suo inconfondibile aroma. Inoltre, se non si ha la moka elettrica e si mette la caffettiera sul fuoco, è nodale che la fiamma sia bassa.

Un buon caffè espresso
Come già detto, il caffè espresso è un rito che distingue la quotidianità del nostro Paese nel mondo. Si tratta non solo di un momento di gusto, ma anche di una parentesi di socialità. Come si prepara al meglio? Vediamolo nel prossimo paragrafo dell’articolo.

Come si fa un buon caffè espresso
La prima regola da considerare quando si prepara un caffè espresso riguarda il fatto di presentarlo nella tazzina poco dopo la preparazione, che deve essere calda, ma non bollente. Essenziale è anche gestire al meglio il tempo di estrazione, che deve essere di 25 secondi. Pertanto il caffè deve essere macinato affinchè si possa ottenere un espresso da 25 ml in circa 25 secondi.

Una parentesi fondamentale è quella della macinatura: quando ci si chiede come preparare un caffè espresso perfetto, è doveroso rammentare che la procedura appena ricordata va concretizzata subito prima della preparazione. Trascorsi 15 minuti, infatti, la miscela ha perso oltre il 60% del suo aroma.

Come fare un buon caffè con le cialde
Vediamo ora la risposta alla domanda di chi si chiede come fare il caffè con le cialde al meglio. Le linee guida sono molto semplici in quanto, come ben si sa, le macchinette con le cialde sono di utilizzo immediato. Tra i consigli per ottenere un caffè gustoso troviamo il fatto di inserire la cialda solo quando la macchina ha raggiunto la temperatura giusta (segnalata da una spia luminosa). Inoltre, è opportuno accertarsi dell’assenza di eventuali cialde rimaste incastrate nell’alloggiamento. Il rischio, nel caso in cui si dovesse preparare un caffè con una di esse incastrata, è che quest’ultima si rompa, provocando il versamento della miscela in polvere nel bicchierino.

Conclusioni
Come è chiaro, basta impegnarsi un po’ e curare i passaggi con la dedizione che ogni arte merita per gustare un caffè perfetto. Fondamentale, ribadiamo, è la miscela. Per un buon caffè macinato, in grani, in capsule compatibili: nespresso, a modo mio, dolce gusto e capsule fap o in cialde, si può fare riferimento a Caffè Corsini. L’azienda produce caffè dal 1950 nel cuore della Toscana e vende sul web i risultati, straordinari, di un lavoro unico al mondo le cui sfaccettature si tramandano di generazione in generazione.